SHOP | BLOG

Hifiprestige.it Blog

facebook feed

Klipsch Cornwall III – La musica e il mito


Klipsch Heritage Cornwall III, diffusori da pavimento dal sonoro retrò
L’origine dei Klipsch Heritage Cornwall III, i diffusori da pavimento che andiamo oggi a recensire, risale al 1959 ed in un certo senso anticipa l’avvento del canale centrale. Illo tempore, infatti, il loro scopo era quello di rafforzare l’emissione dei Klipschorn, ideati per sfruttare al massimo gli angoli di locali appartenenti ad ambienti di grandi dimensioni, dove alla lontananza corrispondeva quasi sempre la carenza energetica nel centro della scena.

 

Al giorno d’oggi, la combinazione dei Cornwall in posizione centrale e dei due Horn in posizione laterale è decisamente impraticabile, tanto è vero che il problema sussisteva anche in passato. Non a caso, in quegli anni, per accompagnare i Cornwall, vennero realizzati gli Heresy, diffusori a tre vie e a sospensione pneumatica. Il nome Heresy indicava il paradosso della maggior parte dei produttori nel non voler puntare su diffusori di dimensioni contenute per competere con quelli più larghi, noti come “cassoni” nell’immaginario collettivo dei neofiti.
Oggi di anni ne sono passati e Klipsch è diventato uno dei leader mondiali del mercato. Tuttavia, i Cornwall e gli Heresy hanno mantenuto intatto il loro stile fino agli inizi degli anni Novanta, condividendo la sezione medio-alti, ma differendo sia nel caricamento che nelle dimensioni. I Cornwall, commercializzati in coppie e nella versione stereo, si caratterizzavano per una grandezza tre volte superiore a quella degli Heresy e per il caricamento in bass-reflex.

Con l’interruzione della produzione dei Klipsch Heritage Cornwall III, gli audiofili chiesero spiegazioni al produttore statunitense, avviando una campagna di lettere con l’esplicita richiesta di rimettere in commercio questo splendido diffusore da pavimento a tre vie. E così è stato. Dal 1990, i diffusori Klipsch Heritage Cornwall III vengono prodotti solo su ordinazione.

 

Perché Heritage?

Come mai questi diffusori da pavimento si chiamano Klipsch Heritage Cornwall III? “Heritage” indica molte cose: eredità, patrimonio e retaggio. Considerando che l’azienda fondata dall’ingegnere Paul W. Klipsch nel 1946 è una di quelle che guarda maggiormente all’innovazione e al futuro, tenendo sempre un occhio di riguardo per il suo celebre passato, si capisce che non poteva essere scelto un nome più adatto di Heritage.

La serie Heritage comprende come modelli di diffusori Cornwall, Klipschorn, La Scala ed Heresy. Eccezion fatta per il top di gamma Klipschorn, tutti i diffusori sono seguiti dai numeri 2 o 3 che indicano rivisitazioni, più o meno sostanziali, se rapportate a quelle del prodotto messo per la prima volta in commercio. C’è però da dire che sia Cornwall che Heresy, più di Klipschorn e La Scala, presentano tratti in comune con i modelli passati.

Posizione ideale

A differenza dei Klipschorn, nati per un posizionamento ad angolo con pareti non arredate, i Klipsch Heritage Cornwall III, in quanto diffusori da pavimento di medie dimensioni di produzione storica, sono decisamente più flessibili in termini di utilizzo, per via della forma a parallelepipedo. Rispetto ad altri modelli, quindi, si prestano ad un ascolto ravvicinato e  risultano più semplici da gestire, anche perché le dimensioni 9,81 cm x 64,29 cm x 39,27 cm (altezza, larghezza e profondità) sono tutt’altro che ingombranti.

Struttura

La scelta del MDF impiegato per le pareti del mobile dei diffusori Klipsch Heritage Cornwall III è tutt’altro che casuale, visto che questo derivato del legno ha nella leggerezza il suo punto i forza. In termini estetici, la verniciatura e la finitura in ciliegio del pannello frontale sono davvero degne di nota e particolarmente adatte per i contesti più vintage.

A livello di struttura interna,notiamo le membrane realizzate in titanio ed i magneti in ceramica. Per fissare il medio tromba ed il tweeter al pannello, sono state scelte viti autofilettanti. Per quanto riguarda il woofer con diametro da 38,1 cm, il produttore ha adottato madreviti e bulloni inseriti all’interno del pannello anteriore.

Suono

In riferimento alla qualità e alla naturalezza del suono emesso dai diffusori da pavimento Klipsch Heritage Cornwall III, la riproposizione dell’orchestra è a tutta larghezza e non affatica l’ascolto. Stabilità ed equilibrio timbrico sono particolarmente evidenti nella riproduzione sonora di pianoforte e clavicembalo.
Gli assoli di chitarra sono contraddistinti dalla delicatezza del suono con la giusta dinamica. Il colpo di grancassa risulta infine potente e preciso.

In definitiva: Klipsch Cornwall III uno dei pochi diffusori che, insieme ad una straordinaria qualità, vi permetterà di convivere con un pezzo importante (e affascinante) della storia dell’alta fedeltà!

Condividi questo articolo

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento