SHOP | BLOG

Hifiprestige.it Blog

facebook feed

Dynaudio, il brand danese leader nell’universo dell’audio professionale

Quando si parla di audio professionale, il brand Dynaudio è fra i più conosciuti ed apprezzati dai più fini audiofili, visto il livello qualitativo dei suoi prodotti che vanno dagli altoparlanti agli hi-fi, dagli home-theater al car audio (per Volvo e Volkswagen), dai desktop monitor agli ottimi sistemi attivi e passivi che si vedono nei più importanti studi di registrazione.

Tutto inizia in Danimarca alla fine degli anni ’70, in un mercato dominato dalla forte leadership di un’altra compagnia danese, Ortfon, che qualche anno prima produceva dei diffusori unici per qualità del suono e per tenuta in potenza, grazie all’affermazione della tecnologia Hexacoil -per coloro che non sono specialisti nel campo del sonoro, ci riferiamo a quel metodo nel quale il filo utilizzato per la bobina dell’altoparlante è di sezione esagonale in modo da ridurre a zero gli spazi vuoti tra le spire-. Così, a differenza del modello a sezione circolare, con questa soluzione innovativa si scoprì quanto fosse semplice l’ingresso di più conduttori e la minore presenza di aria a parità di volume con tanto di maggiore potenza sopportata dal diffusore.

Dynaudio, partendo da questa novità, iniziò come produttore OEM nel 1977. Nel primo periodo la produzione era limitata ai diffusori con cabinet e crossover, mentre gli altoparlanti venivano prodotti da terzi; successivamente, l’azienda danese progettò modelli propri sempre più rivoluzionari, tanto che iniziò a prodursi da sola gli altoparlanti, visto che i fondatori, illo tempore, erano del parere che c’era molto da lavorare affinché i diffusori potessero arrivare alla tanto attesa riproduzione fedele del suono.

Dynaudio si converte così dall’alta fedeltà alla produzione di sistemi di altoparlanti attivi, tanto che con il passare degli anni, nell’immaginario collettivo degli audiofili, gli altoparlanti Dynaudio si sono affermati come “altoparlanti perfetti”, non solo per ciò che concerne le caratteristiche tecniche, di per sé di elevatissimo standard, ma per la capacità unica nella riproduzione di un suono il più naturale possibile.

A livello generale, il merito del successo del marchio danese sta principalmente nel fatto che i progettisti e i tecnici audio di Dynaudio (o meglio di Dynaudio Acoustics, sussidiaria di Dynaudio) hanno un consolidato background nel campo del suono e della musica e perciò valutano al meglio la qualità dei prodotti, accontentando le differenti esigenze di ogni appassionato del suono, attraverso soluzioni altamente personalizzate sia orientate all’innovazione tecnologica e alla ricerca avanzata tipiche di una multinazionale che all’accuratezza dei controlli e alla qualità dei materiali di prima scelta, proprio come se fosse un piccolo artigiano.

In materia di tradizione artigianale, vale la pena soffermarsi su due serie Contour ed Excite. Invece, in riferimento all’innovazione tecnologica, citiamo sia la Serie Dynaudio Focus che la collaborazione stretta nel 1999 con TC Electronic con l’obiettivo di passare ad un livello superiore nel settore dell’audio pro.


Serie Dynaudio Contour: in linea di massima, questa serie presenta molti tratti in comune con i modelli precedenti, a partire dalla tenuta in potenza, dal contenimento della distorsione e dall’elevato controllo delle risonanze del mobile. Le principali novità della serie Contour si evincono sia nella realizzazione del mobile che negli altoparlanti. Nello specifico, il mobile è costituito da una struttura rigida, essendo composto dalla classica scatola monolitica con 6 lati incollati, mentre gli altoparlanti ed il filtro crossover si posizionano su due diversi pannelli apposti sulla facce del mobile, sulle quali sono stati eseguiti fori e alloggiamenti per non sollecitare le pareti. In definitiva, con il mobile della serie Contour, Dynaudio ottimizza i processi produttivi in fase di realizzazione e di assemblaggio, abbattendo di fatto sensibilmente i costi di produzione, senza incidere minimamente sul livello qualitativo dell’audio, dato che alcuni parametri appaiono fortemente migliorati.
Per quanto riguarda invece gli altoparlanti, nella Serie Contour sono fissati su un pannello in ferro, mentre il crossover e i connettori d’ingresso sono posizionati su un altro pannello di fibra a media intensità (MDF): analizzare internamente il processo è comunque assai agevole perché il diffusore è assemblato con poche viti. Le novità apportate agli altoparlanti di questa serie, per quanto minimaliste, si sono rivelate determinanti per la produzione delle serie successive.
Nel dettaglio, il modello Dynaudio Contour S 5.4 è un sistema a tre vie che offre il massimo dei risultati in termini di performance e potenza, specialmente per via del doppio woofer e del mindrange in MSP. Eccezionali i risultati in gamma medio bassa. Dynaudio Contour S 3.4 è invece un sistema a due vie che garantisce un’ottima tenuta in potenza per via dell’apposito pannello in metallo rinforzato e che offre risultati splendidi in gamma bassa. La solidità della base e degli interni e la griglia a fissaggio magnetico rendono unico questo modello che esprime una riproduzione sonica realistica grazie al doppio woofer.
Il modello Dynaudio Contour S 1.4, sistema a due vie perfettamente bilanciato tra orientamento alla tecnologia ed elevato standard qualitativo dei materiali, presenta una finitura in acero e palissandro, proprio per dare risalto alla venatura del legno. In termini di struttura del mobile il modello in questione è in linea con quello descritto nella serie con il risultato della riduzione delle vibrazioni generate. In termini di configurazione, Dynaudio Contour S 1.4 si presenta nello stesso modo dei primi modelli del brand danese (abbandonati in seguito): parliamo di una struttura che nulla ha a che vedere con gli schemi tradizionali, visto che gli altoparlanti si collocano su un pannello metallico che li separa attraverso un tappeto in gomma dal pannello frontale del mobile; il woofer si posiziona invece all’interno della parte superiore del diffusore con il tweeter leggermente più in basso. A livello audio, questo modello dà particolare attenzione alla gamma dei bassi, come si evince dal bass reflex molto grande. La ricostruzione di una scena sonora reale è un altro valore aggiunto di questo sistema a due vie, specie negli ambienti di medie dimensioni, per evitare di enfatizzare oltremodo la gamma di basse frequenze. Infine, la cover di questi diffusori va a proteggere il woofer e il tweeter, potendosi attaccare direttamente alla superficie, mediante dei piccoli magneti presenti sui bordi. Posizionandoli lontani ad una certa distanza da muri e pareti e con il punto d’ascolto all’altezza del tweeter, i risultati saranno decisamente superiori agli standard.
Il modello Contour S R è il diffusore Dynaudio più piccolo in termini di dimensioni (appena 165x275x140 mm) e il più leggero (appena 4 kg). Dedicato ad essere utilizzato come canale sorround, la particolarità del mobile, la raffinatezza del tweeter a cupola morbida, il medio basso in pressofusione di alluminio e il cabinet asimmetrico rendono unico questo mini diffusore da parete, dalle performance soniche veramente eccezionali in rapporto alle sue dimensioni.
Con la serie Contour, Dynaudio si rivolge a chi è alla ricerca di un punto di accordo tra accuratezza e sentimento: ottimi diffusori per uso hi-fi e in termini di separazione e di nitidezza sonora.

Serie Dynaudio Focus: con questa serie di diffusori versatili e di ridotte dimensioni, Dynaudio ha il merito di adattare le tecnologie professionali all’uso domestico. Tante le novità rispetto alle altre serie: si comincia dai cavi, che pur essendo brevissimi non comportano perdite in termini di potenza, e si continua con il crossover che riduce al minimo le distorsioni, intervenendo direttamente sul segnale a basso livello. In termini di design, la serie Dynaudio Focus si caratterizza per compattezza, attenzione ai particolari e per la rifinitura in svariate tipologie di legno (ad esempio Focus 380, Focus 340, Focus 210 C) o in alternativa per il colore bianco o nero lucido (ad esempio Focus 260, Focus 160). Entrando più nei dettagli, diciamo che le Focus 380 e le Focus 340 sono modelli a tre vie da pavimento, prettamente hi-fi, mentre le Focus 210 C rappresentano un valido canale a 2 centrale a vie. I primi due modelli hanno come target di riferimento gli audiofili appassionati che cercano diffusori completi sotto ogni punto di vista, a partire dalla timbrica e dalla dinamica continuando poi con la pulizia della riproduzione e con l’unicità e la raffinatezza delle forme. Il canale centrale Focus 210 C garantisce il massimo nell’equilibrio del suono multicanale: tra i suoi elementi distintivi spiccano l’evoluzione del crossover, la potenza dei medio-bassi, l’eccezionalità del tweeter a cupola morbida e, per concludere, la pregevolezza del mobile in legno. Le Focus 260 e le Focus 160 sono entrambi sistemi a due vie, il primo da pavimento, unico in termini di potenza e dinamicità, e il secondo da piedistallo, meritevole di attenzione in particolare per l’eccezionale equilibrio apprezzabile a partire dalla prima nota. Le Focus 160 hanno come punti di forza l’orientamento altamente tecnologico del tweeter a cupola morbida trattata, il crossover del primo ordine a componenti attentamente selezionati, il potente medio-basso con bobina in alluminio e infine l’elevata pregevolezza del legno del “mobile/involucro”. Caratteristiche tipiche dei diffusori compatti del costruttore danese. Le Focus 260 riproducono in maniera pulita anche i passaggi musicali più difficoltosi, grazie alla presenza di un doppio magnete in ogni altoparlante, della bobina in alluminio e del cono in MSP.


Serie Dynaudio Excite: presentata in occasione dell’High end di Monaco del 2008, con questa innovativa gamma di diffusori, il marchio danese ha deciso di dare maggiore peso alla “sensibilità” proponendo filtri crossover progettati per garantire un collegamento agevole con ogni tipologia di amplificatore, membrana in MSP per i woofer e infine cupole in seta trattata per i tweeter, a loro volta ottimizzati per via dell’utilizzo di potenti doppi magneti e bobine mobili estremamente leggere.
La linea Excite è costituita da 5 diffusori disponibili in 4 finiture, legno acero, palissandro, ciliegio o nero: X36 e X32, diffusori da pavimento. L’X36 è l’unico a tre vie nonché il più pesante della serie con i suoi 23,5 kg: non ci sono parole per descrivere le caratteristiche di questo diffusore imponente, contraddistinto dall’ottimo rapporto qualità prezzo. La complessa realizzazione a tre con doppio woofer garantisce performance eccezionali, specialmente a livello di dinamica, che nulla hanno da invidiare agli altri diffusori top di gamma del produttore danese. L’X32 è il sistema a due vie e il primo modello da pavimento della gamma Dynaudio Excite. I suoi 200 W in tenuta in potenza danno il massimo in gamma bassa, conservando la raffinatezza in gamma medio-alta che ha reso unici a livello internazionale i tweeter Dynaudio. Questo modello da pavimento è adatto sia all’ascolto a due canali che all’inserimento in sistemi multicanale di alto livello. L’X22 è il canale centrale a due vie, mentre X16 e X12 sono i due modelli da stand/piedistallo. Il primo ha come target di riferimento chi cerca performance sonore che tenendo conto di peso (9 kg) e dimensioni (205 x 350 x 290 mm) non sfigurino con quelle dei diffusori più imponenti e, di conseguenza, costosi. E lo stesso dicasi per le X12 che presentano dimensioni più contenute (170 x 285 x 255 mm) e peso più leggero (appena 6,5 kg). Precisiamo che questo modello è in grado di offrire buone performance sia negli amplificatori multicanale da Home Theatre (riproduzione pulita delle colonne sonore dei film) che nelle amplificazioni high-end.
Tirando le somme con la linea Excite, Dynaudio va a soddisfare target eterogenei che includono sia chi desidera sonorizzare ambienti di grande dimensioni che piccole sale, in configurazione stereo o Home Theater.
Conclusioni: Dynaudio ha saputo ben comunicare la propria immagine di “azienda artigianale”: basti pensare che nelle manifestazioni fieristiche nello stand Dynaudio viene ricostruita nei minimi dettagli la bottega di un falegname con tutto l’insieme degli strumenti per lavorare a mano del legno!
Insomma, la tradizione e la qualità di una volta sono i valori comunicati dal marchio danese in abbinamento ai progressi registrati in campo tecnologico: elementi che in maniera inevitabile incidono sul prezzo rispetto a molti dei suoi competitor. Ma se questo vuol dire aggiudicarsi un diffusore Dynaudio, beh allora ne vale davvero la pena, visto l’equilibrio prezzo/prestazioni.

Condividi questo articolo

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento