SHOP | BLOG

Hifiprestige.it Blog

facebook feed

Cos’è l’Hi-Fi? Tentiamo di dare una definizione utile a tutti

La musica è emozione. La vita di qualunque individuo non è genuinamente votata ad altro se non alla ricerca di questa: l’emozione. Riprodurre e ascoltare musica a un livello qualitativo quanto più elevato possibile significa amplificare e intensificare tale emozione. Per dare corpo e sostanza a queste indecifrabili vibrazioni che scuotono il nostro animo ci rivolgiamo a strumenti la cui genesi si basa – o quantomeno dovrebbe – su assunti e metodologie di natura prettamente scientifica. I fattori da dover prendere in considerazione quando ci si pone dinnanzi all’acquisto di un nuovo componente della catena di riproduzione, o addirittura dell’intero impianto, sono molteplici e non sempre di elementare ed intuitiva decifrazione. Il mercato offre un’immensa ed eterogenea varietà di prodotti, le cui specifiche tecniche fondamentali e la compatibilità di interfacciamento forniscono indicazioni senz’altro utili ma talvolta non completamente esaustive. È pertanto indispensabile fare un piccolo passo indietro, entrare un poco di più nel merito, approfondire le modalità mediante le quali si è articolata la riproduzione musicale ad alta fedeltà e acquisire nozioni sufficienti per districarsi in modo consapevole nell’odierno panorama audiofilo.

Il punto di partenza, che potrà sembrare banale ma che tale non è affatto, è tentare di definire cosa si intenda precisamente con “alta fedeltà”. Cos’è l’Hi-Fi? Evidentemente, data la mole di teorie discordanti e di soluzioni considerevolmente distanti tra loro, una risposta semplice e definitiva non esiste. È universalmente accettato che, di per sé, l’intento sia la riproposizione fedele – meglio dire: quanto più fedele possibile – dell’evento musicale, riuscire cioè a ricreare nell’ambiente domestico la sensazione di trovarsi nel luogo e nel momento nel quale l’evento musicale è stato registrato. Ciò presuppone che debbano essere veicolate le informazioni ambientali, la percezione acustica di uno spazio fisico concreto, tridimensionalmente sviluppato in larghezza, altezza e profondità, nel quale poter individuare il preciso posizionamento dei diversi strumenti, il suono dei quali deve possedere una qualità timbrica e una naturalezza tali da restituire l’impressione che siano “reali”, presenti nella stanza. L’orecchio è un organo accurato e molto sensibile, il presupposto dell’alta fedeltà consiste in qualche modo nell’ingannarlo. Proviamo a focalizzare il seguente scenario: l’evento musicale, che si diffonde facendo vibrare l’aria e generando le cosiddette onde acustiche, viene dapprincipio filtrato mediante un trasduttore – il microfono – che trasforma l’energia acustica in energia prima meccanica e poi elettrica, l’impulso elettrico viene registrato e a più riprese manipolato da differenti media fino ad essere immagazzinato su appositi supporti, i quali vengono quindi interpretati da un dispositivo – il lettore CD, il giradischi – che invia il segnale ad uno strumento – l’amplificatore – che ha il compito di ingrandirlo enormemente mantenendolo proporzionalmente quanto più aderente possibile all’originale per consegnarlo ad un altro trasduttore – l’altoparlante del diffusore acustico – di modo che il segnale elettrico divenga nuovamente energia meccanica e poi acustica per raggiungere, attraverso l’aria nella forma di onde sonore, un ultimo trasduttore – il nostro orecchio – il quale, infine e finalmente, lo trasforma in impulso prima meccanico e poi elettrochimico per il nostro cervello. Tutto ciò parrebbe avere piuttosto a che fare con la magia ma in verità appartiene a specifici rami della fisica e della scienza.

Continua a leggere la versione completa.. Clicca qui!

Condividi questo articolo

2 Commenti »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


2 Risposte a “Cos’è l’Hi-Fi? Tentiamo di dare una definizione utile a tutti”

  1. 1

    GIANNI dice:

    Cos'è l'HI-FI, bella domanda, è tutto ciò che ti puo trasferire un brano musicale attraverso un impianto possibilmente con l'acustica più limpida possibile che stimolando il nostro udito, accende l'interrutore che commuta il sentire in ascoltare, la propagazione del suono in sensazioni fino a portarle a percepire un brivido pari alla pelle d'oca, chiudi gli occhi e lasciati cullare da questo momento, non sei solo, con te c'è la tua musica.

  2. 2

    Mario Lapi dice:

    Ciao, secondo Me la definizione più corretta di Hi-Fi ( Alta Fedeltà ) è : Ascoltare Come è Inciso….
    Io direi più precisamente che Hi-Fi è tutto cio che Ti può fare ascoltare un brano musicale alterando il meno possibile l’incisione…..Poi c’è anche il fattore gusti personali ma non definirei Hi-Fi un apparato che , pur suonando bene , altera quelle che sono le caratteristiche dell’incisione…… A mio parere l’Hi-Fi vero e proprio è molto legato all’Esoterismo…
    L’alterazione dell’incisione che può essere fatta anche di proposito con l’ausilio dei controlli di Tono serve solo ad adattare all’ambiente il suono emesso dai diffusori…L’incisione dal canto suo è già completa e lineare e , in teoria , non richiederebbe nessuna modificazione…

Lascia un commento